Lorem ipsum proin gravida nibh vel velit auctor aliquetenean idelit sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem.
1-677-124-44227

info@yourbusiness.com

184 Main Collins Street | West victoria 8007

Lorem ipsum proin gravida nibh vel velit auctor alique tenean sollicitudin, lorem quis.

Donne Distribuiscono Defibrillatori srl è impegnata in questo periodo nella lotta al Coronavirus. Distribuiamo prodotti per prevenire e contrastare la diffusione di COVID-19. Per maggiori informazioni, clicca qui.

Top

A scuola di cardioprotezione

“Mi sono affidata a Simona Buono dietro consiglio del dottore, nonché mio cardiologo, Carmine Maccarone. Lei è stata scelta come responsabile della messa in cardio sicurezza dell’Aquila dall’Associazione Azimut, che da anni si sta occupando di cardioproteggere la città e diffondere questa cultura. Simona si è rivelata una bella persona sia dal punto di vista umano che da quello professionale: grazie alla sua gentilezza e disponibilità tra noi si è subito creata una forte empatia e un’ottima comunicazione”. A parlare è la Dott.ssa Annamaria Stammitti, dirigente amministrativo dell’ I.I.S. L. da Vinci – O. Colecchi dell’Aquila.
“Io e Simona abbiamo subito condiviso una profonda attenzione per il piano di distanza della messa in cardio sicurezza. La scuola aveva ricevuto il primo defibrillatore in donazione da parte dell’Associazione Azimut, ma, avendo due sedi con due palestre separate, abbiamo ritenuto necessario acquistarne altri tre. Sono arrivati prima di Natale e ora sono in fase di installazione. I ragazzi hanno già fatto il corso BLSD e prossimamente anche il personale verrà formato”.
“È un atto di civiltà e di tutela per la salute di tutti noi. L’emergenza può capitare in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, ma la scuola in primis deve essere esempio di buone pratiche e deve veicolare cultura e informazione. Tutti i cambiamenti positivi partono dalla scuola. Grazie a Simona e all’Azimut L’Aquila vanta un numero di defibrillatori superiore a quello di città più grandi, come Bologna. Speriamo di poter essere d’esempio per altri istituti scolastici e altre città”.
Share