Lorem ipsum proin gravida nibh vel velit auctor aliquetenean idelit sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem.
1-677-124-44227

info@yourbusiness.com

184 Main Collins Street | West victoria 8007

Lorem ipsum proin gravida nibh vel velit auctor alique tenean sollicitudin, lorem quis.

Donne Distribuiscono Defibrillatori srl è impegnata in questo periodo nella lotta al Coronavirus. Distribuiamo prodotti per prevenire e contrastare la diffusione di COVID-19. Per maggiori informazioni, clicca qui.

Top

La scuola di arti marziali Ardues Dojo si affida a Simona Buono: “È la più preparata nel suo campo”

“Ho scelto il defibrillatore di Simona Buono perché dopo aver consultato vari siti e fatto diverse telefonate, lei si è dimostrata la più preparata. Sa trattare con la gente, ma soprattutto punta sul suo prodotto, lo conosce bene, e durante la consulenza chiarisce perfettamente tutti i dubbi che una persona curiosa e desiderosa di informarsi sull’argomento può avere”. Così Ardue Gianese, presidente e maestro della scuola di arti marziali Ardues Dojo Italia di Legnago in Veneto, racconta i motivi che l’hanno spinto a cardioproteggere la propria attività con il defibrillatore di Simona Buono.

 

“Al di là dell’obbligatorieta di possedere un defibrillatore per le associazioni sportive, dopo l’acquisto mi sento decisamente più tutelato e in regola – Racconta Gianese – Si spera sempre che le tragedie non succedano, ma senza defibrillatore si rischia di rimpiangere a posteriori di non averlo avuto nel momento del bisogno. Ecco perché è importante che tutti ne abbiano uno e si formino su come utilizzarlo. È molto semplice e può fare la differenza. Io ho già seguito due corsi e voglio continuare ad aggiornarmi”.

 

“Un sostegno economico da parte dei comuni sarebbe davvero d’aiuto – conclude – La spesa d’acquisto per un buon defibrillatore è considerevole per le piccole associazioni, e se avessimo maggiori agevolazioni sono certo che tutte le associazioni del Veneto si cardioproteggebbero. Dovrebbe esserci maggiore consapevolezza anche a livello istituzionale, solo così si potrebbe fare davvero la differenza su larga scala, contribuendo a rendere le nostre città più sicure”.

Share