Lorem ipsum proin gravida nibh vel velit auctor aliquetenean idelit sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem.
1-677-124-44227

info@yourbusiness.com

184 Main Collins Street | West victoria 8007

Lorem ipsum proin gravida nibh vel velit auctor alique tenean sollicitudin, lorem quis.

Donne Distribuiscono Defibrillatori srl è impegnata in questo periodo nella lotta al Coronavirus. Distribuiamo prodotti per prevenire e contrastare la diffusione di COVID-19. Per maggiori informazioni, clicca qui.

Top

Ristoranti del ♥. Nuovo obbligo per la dotazione dei DAE

Quattro anni fa Simona Buono diede vita all’iniziativa “I ristoranti del cuore”, per sensibilizzare le persone sul tema della cardioprotezione. I casi di arresto cardiaco si verificano in contesti diversi della nostra quotidianità e basta un piccolo gesto per salvare una vita.

Ora anche il Comune di Firenze, nel regolamento unico per le attività commerciali e di somministrazione, ha introdotto requisiti innovativi come i defibrillatori obbligatori, oltre alla realizzazione di baby corner e l’adozione della raccolta differenziata, imponendo a

 

nche ulteriori vincoli alla vendita di alcol su tutto il territorio fiorentino. Il nuovo pacchetto normativo è stato proposto dall’Assessore allo Sviluppo economico, Cecilia del Re.

Uno degli obiettivi del nuovo regolamento è, per l’appunto, la realizzazione di una rete commerciale ca

rdio-protetta. Difatti, oltre ad aver riorganizzato in un testo unico tutti i requisiti richiesti, è stato disposto che tutte le attività di commercio al dettaglio in sede fissa o di somministrazione di alimenti e bevande – avviate, trasferite o ampliate dopo l’entrata in vigore del nuovo regolamento – con una superficie di vendita superiore ai 300 mq, dovranno dotarsi di defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) e  di personale addestrato al loro utilizzo (che abbiano cioè partecipato ad un corso BLS-D (Basic Life Support and Defibril

lation).

Il nuovo regolamento, approvato per il momento dalla giunta comunale, ora dovrà essere approvato dal consiglio.

Il Decreto Balduzzi, la legge che regolamenta la diffusione dei defibrillatori negli impianti sportivi, in vigore dal 1° luglio 2017, consigliava la presenza dei DAE anche nei luoghi pubblici particolarmente affollati.

I casi di arresto cardiaco, coi relativi decessi che avvengono ogni anno all’interno di esercizi pubblici, sono purtroppo svariate centinaia!! 

Anche se la legge non lo impone, dotare il proprio ristorante, il proprio negozio o la propria attività commerciale di un defibrillatore DAE dimostra attenzione e sensibilità verso la salute e la sicurezza dei propri dipendenti e dei propri clienti, oltre che una spiccata capacità imprenditoriale verso l’abbattimento delle tasse.

Offrire alla propria clientela un locale dotato di DAE è sicuramente un plus importante anche sotto quest’ultimo punto di vista, soprattutto ai giorni nostri in cui si va sempre più diffondendo il concetto di cardio-protezione. 

Finire sui giornali perché si è salvata una vita mediante l’utilizzo di un defibrillatore è di certo un fatto di cui andare orgogliosi; al contrario, un decesso dovuto ad un arresto cardiaco non trattato in maniera tempestiva e adeguata non fa certo una buona pubblicità al locale o all’azienda. 

In caso di arresto cardiaco, infatti, per salvare la vita di una persona occorre intervenire con il defibrillatore entro i primi 5 minuti. 

Ma i soccorsi, purtroppo, non sempre riescono ad arrivare in tempi utili. 

In Italia, il tempo medio di intervento è di 12-15 minuti: troppi in caso di arresto cardio-circolatorio! È importante, quindi, avere i mezzi necessari per poter agire rapidamente, cioè un DAE.

Molte pizzerie, ristoranti e altre attività commerciali, infatti, si sono già dotati di un defibrillatore semiautomatico esterno, nonostante non sia obbligatorio. Tali iniziative hanno avuto ottimi riscontri sia da parte della clientela, sia da parte delle comunità locali in genere, che possono così contare su un dispositivo salvavita in più in caso di arresto cardiaco.

Ricordiamo, per concludere, che nel nostro Paese sono circa 70.000 ogni anno le vittime dell’arresto cardiaco. 

In circa l’80% dei casi, inoltre, il malore colpisce in presenza di testimoni e al di fuori delle strutture sanitarie. L’arresto cardiaco colpisce in casa, per strada, nelle scuole, nelle palestre, nei cinema, nei teatri, nei bar, nei ristoranti e all’interno dei luoghi di lavoro. Con un defibrillatore a portata di mano, però, il tasso di sopravvivenza può superare il 75%: ogni anno, quindi, si potrebbero salvare migliaia di persone.

Share